Il marketing olistico è uno spostamento 
dall'orientamento al 
prodotto verso l'orientamento 
al cliente, dal vendere prodotti al soddisfare i clienti..

P. Kotler
 Il Marketing 3.0
configura la fase in cui le imprese spostano la propria focalizzazione dal consumatore all'umanità nel suo complesso e la ricerca del profitto 
viene bilanciata dalla 
responsabilità sociale 
d'impresa..
 
P.Kotler
CRISI AZIENDALE

La crisi aziendale è 

“un momento più o meno prolungato della vita dell’impresa in cui le condizioni di operatività presentano significativi elementi di difficoltà”.  

 

Essa può avere origini di natura economica o di natura finanziaria, che nel tempo spesso vengono a trovare numerosi elementi di contatto, pur non essendo necessariamente l’una la causa o l’origine dell’altra.

La crisi ha origini economiche quando il valore della produzione non è in grado di remunerare il complesso dei fattori produttivi, compreso il capitale di rischio, in altri termini quando l’azienda consegue risultati economici negativi (ciclo economico negativo).

La crisi  ha invece origini natura finanziaria quando i tempi medi di rotazione delle poste patrimoniali attive, in particolare il magazzino ed i crediti, non consentono di generare liquidità sufficiente per rispettare le scadenze del passivo, in sostanza quando viene meno la sincronia tra liquidabilità dell’attivo ed esigibilità del passivo (ciclo finanziario negativo).

Le cause di una crisi aziendale possono essere interne (disfunzioni del sistema, e quindi scarsa produttività, costi troppo elevati, carenze organizzative, incapacità di programmare e rinnovare, errori di marketing, investimenti sbagliati, etc.) od esterne (variabili ambientali, quali caduta dei prezzi, decadimento del prodotto, improvviso immobilizzo di crediti consistenti, aumento repentino dei costi delle materie prime, etc.).

 

IL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE E RILANCIO 

Il piano di ristrutturazione, risanamento e rilancio di un’azienda tende evidentemente a ripristinare quelle condizioni di equilibrio economico-patrimoniale-finanziario che sono venute meno per effetto del verificarsi di uno od alcuni degli accadimenti sopra descritti e che sono alla base della permanenza dell’azienda stessa sul mercato.

La redazione di un piano di ristrutturazione e rilancio di un’azienda in crisi deve basarsi su un’approfondita analisi e conoscenza dell’azienda, in particolare occorre avere ben presenti: 

  1. l’assetto istituzionale, il posizionamento competitivo e la struttura organizzativa dell’azienda;

  2. l’adeguatezza dell’impianto contabile;

  3. l’efficienza delle procedure di controllo adottate;

  4. le caratteristiche del prodotto/dei prodotti e del mercato di sbocco;

  5. i cicli produttivi;

  6. l’evoluzione nel tempo delle componenti patrimoniali, economiche e finanziarie aziendali (dati storici);

  7. le cause e circostanze dello stato di crisi.

Solo l’analisi propedeutica e minuziosa dell’azienda consente infatti un approccio serio e più agevole alla redazione del Piano di Risanamento, che deve basarsi su previsioni ragionevolmente sostenibili e non manifestamente infondate, sia in rapporto a quello che è stato l’andamento storico dell’azienda, che in relazione alle prospettive di sviluppo.

Non si deve, d’altra parte, sottovalutare, che al di là degli aspetti economici, patrimoniali e finanziari, il piano di ristrutturazione potrebbe dover intervenire anche su aspetti  strettamente organizzativi e gestionali. 

DE VINCENZO and PARTNERS      CONSULENTI DI MANAGEMENT     SEDE  NAPOLI,  80129,  Via Massimo Stanzione, 15     Uffici a  Milano e Martina Franca  

© 2020  by DE VINCENZO and PARTNERS

+39 081 180 88 929

  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon